17 apr 2015

Novità Calligaris al Salone del Mobile 2015? 3 Tavoli, 2 Sedie imbottite, 1 Divano Mix e Tanti Complementi d'Arredo!

Si sta per concludere la settimana della "moda" del Mobile 2015, Il Salone del Mobile di Milano ed eccomi qua per raccontarvi le anteprime assolute dell'azienda leader mondiale della zona living, Calligaris.

Sorprende ogni anno la capacità di rinnovo e idee che riesce a proporre negli anni.
Particolare Tavolo Levante
Ammetto che lo scorso anno una sedia in particolare mi aveva lasciata perplessa e infatti non ha avuto il successo sperato...questo anno ho cercato il cavillo, il neo da criticare, ma ammetto di non averne trovato uno, questo anno Calligaris si è superata...ma basta con le chiacchiere, vi presento i nuovi arredi tipo "amore a prima vista", e (rullo di tamburi), tra i quali c'è anche un divano!

3 le novità da annotarsi per i tavoli : due fissi con piani in legno, Cartesio e Status, e un tavolo allungabile con piano in vetro trasparente, il tavolo Levante. Tre generi diversi con un filo conduttore comune: si avvicinano tutti allo stile industriale con un tocco di nordico dove la base del tavolo è protagonista come nel caso di Cartesio, una M rovesciata e di Levante, un raffinato cavalletto. Colori di tendenza per le basi dei tavoli? Assolutamente grigio scuro e corten. Novità anche nei piani in legno: da tutte le aziende del Salone del Mobile 2015 è stato introdotto il noce e rovere scuro (non moro!) scortecciato, in alternativa al legno rovere naturale e miele in voga da qualche anno.



Tavolo Cartesio
Meccanismo di apertura del Tavolo Levante - Il sistema di apertura è così semplice che sembra un giocattolo: tic e tac e il gioco è fatto. Ho realizzato un breve video su questo perchè a parole proprio non rende!


Tavolo Levante con struttura metallo grigio scuro
E le sedie Calligaris? Mi ha colpito molto la sedia Colette. Già il nome è un programma: un nome francese, eleganza d'altri tempi ma informale. Ecco, è proprio così che vedo la nuova sedia Colette di Calligaris: una sedia in legno scuro o chiaro, imbottita che rende comunque un'idea di comodità e leggerezza. 

Madia Sipario 4 ante

In legno massello la sedia Tosca la consiglierei nella versione imbottita in pelle: è un classico rivisitato, si abbina così sia a uno stile moderno che classico. Prezzo importante per una sedia altrettanto importante. 

Con la madia Sipario sembra di tornare un po' agli anni '70: squadrata con anta spessa 3,5 cm e due piedi in metallo eleganti in tinta con la struttura che può essere dello stesso colore delle ante o bicolore. La versione monocolore in P16 laccato grigio con ante P16W rovere grigio dogato è très chic! 

Specchio Damasco serigrafia grigio scuro
Calligaris?! Ci siamo sbizzarriti nei complementi d'arredo, vero? La strategia di Calligaris è quella di un'azienda che desidera arredare la zona living a tutto tondo: dagli accessori ai tavoli e sedie per arrivare ai divani. Non ve li sto a elencare tutti ma sfido a non innamorarvi dello specchio Damasco nella versione grande 90 x 90 cm con serigrafia grigio scuro. Strano, ma ho trovato finalmente uno specchio elegante, non pacchiano e soprattutto dove ci si può specchiare (perchè parliamone: solitamente la serigrafia occupa tutto lo specchio)!

Tris Vasi colore pastello
Ok cito anche il Trio di vasi: sembrano usciti da un cartone in 3D, adorabili nei colori pastello opaco! Calligaris non si fa mancare neanche qualche tappeto: Apotema geometrie blu su sfondo grigio e Gava con la reinterpretazione dei tappeti Gabbeh con motivi zoomorfi. 



E infine, mi ha stupito il salto di qualità dei divani Calligaris: massimo comfort e con un design davvero moderno. In assoluto spicca il divano Urban Mix: struttura in pelle e cuscini in tessuto, bracciolo sottile e macchie color pastello date dai cuscini con bottoni.

Divano Urban Mix
Altro da aggiungere? Se ho dimenticato qualche novità presentata da Calligaris al Salone del Mobile 2015 che ti è particolarmente piaciuta puoi scriverlo nei commenti!

E grazie per essere passato da qui.

Nessun commento:

Posta un commento